DIRITTO DELL'AMBIENTE

Docenti: 
PEDRABISSI Stefania
Codice dell'insegnamento: 
10358*15176*2016*2016*9999
Crediti: 
6
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2017/2018
Settore scientifico disciplinare: 
DIRITTO AMMINISTRATIVO (IUS/10)
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua dell'insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

L'insegnamento si prefigge di sviluppare negli studenti una buona conoscenza degli elementi fondamentali della materia ambientale. Al termine dell'attività formativa, gli studenti dovrebbero aver acquisito e maturato un'autonoma capacità argomentativa e di giudizio legata allo studio e all'analisi dei principali aspetti del diritto ambientale. Ci si attende, in particolare, che gli studenti siano in grado di : 1) conoscere la disciplina generale in materia ambientale; conoscere il sistema delle fonti e il rapporto di interazione tra norme interne e norme sovranazionali che caratterizzano la materia; comprendere i principi di matrice internazionale (quali il principio di sostenibilità, il principio "chi inquina paga", il principio di precauzione) che hanno consentito l'affermazione del bene giuridico ambiente; conoscere le principali definizioni in materia ambientale; leggere e capire una pronuncia giurisprudenziale; interpretare le norme con metodo sistematico, secondo gli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali (conoscenza e capacità di comprensione). 2) Applicare le nozioni acquisite a fattispecie concrete, essere in grado di sviluppare autonomi percorsi argomentativi idonei alla definizione di casi pratici (capacità di applicare conoscenza e comprensione). 3) Essere in grado di affrontare problematiche reali in materia ambientale, implicanti la conoscenza di nozioni giuridiche (autonomia di giudizio). 4) Utilizzare un linguaggio appropriato e specifico della materia (abilità comunicative). 5)Analizzare differenti casi della realtà, attraverso il filtro delle nozioni ricevute, per giungere a valutazioni circa la conformità al paradigma normativo dei casi affrontati ( capacità di apprendere).

Prerequisiti

L'insegnamento di Diritto Amministrativo I e il relativo esame di profitto sono propedeutici all'insegnamenti, e relativi esami di profitto, del settore scientifico -disciplinare IUS/10, tra i quali Diritto dell'Ambiente.

Contenuti dell'insegnamento

L'insegnamento ha ad oggetto lo studio della disciplina generale del diritto ambientale e l'approfondimento di alcuni settori specifici della materia. Il corso è strutturato in tre cicli di lezioni. Il primo ciclo di lezioni fornisce le nozioni introduttive ma necessarie allo studio ed alla comprensione del diritto ambientale. Le nozioni di base riguardano lo studio dell'evoluzione del diritto ambientale, l'analisi delle fonti interne e comunitarie, l'illustrazione dei principi costituzionali nonché i procedimenti amministrativi in materia dell'ambiente. Il secondo ciclo di lezioni è rivolto alla trattazione di aspetti peculiari di questa branca del diritto quali il principio dello sviluppo sostenibile, la responsabilità per danno all'ambiente, la valutazione del rischio ambientale, l'ambiente e il territorio. Il terzo ciclo di lezioni è dedicato all'analisi di temi di particolare attualità quali i rifiuti e le energie rinnovabili.

Programma esteso

Bibliografia

Per gli studenti frequentanti: Dispense del Docente. I singoli capitoli saranno caricati sulla piattaforma Elly prima della lezione in cui viene affrontato l'argomento.
Gli argomenti sviluppati nel corso delle lezioni rimandano alle nozioni contenute nel testo di riferimento:"Diritto dell'ambiente" a cura di Giampaolo Rossi - G. Giappichelli Editore - Torino - Ultima Edizione.
Ai fini dell'approfondimento di alcuni temi di particolare interesse il Docente tratterà in aula e successivamente caricherà su Elly alcune sentenze. Gli Studenti frequentanti dovranno scegliere due sentenze, tra quelle citate poc'anzi , caricate dal Docente sulla piattaforma Elly, ed esporle oralmente. E' indispensabile la consultazione del Codice Dell'Ambiente e delle principali Direttive europee in materia.
Per gli Studenti non frequentanti il testo di riferimento è "Diritto dell'ambiente" a cura di Giampaolo Rossi, ultima edizione. Tutti i capitoli. Inoltre, gli studenti non frequentanti potranno scegliere (quale opzione facoltativa) una sentenza da esporre oralmente, tra quelle caricate sulla piattaforma Elly dal Docente. E' indispensabile la consultazione del Codice Dell'Ambiente e delle principali Direttive europee in materia.

Metodi didattici

L'insegnamento sarà svolto alternando lezioni orali frontali, per la durata di 30 ore, a modalità di apprendimento attivo, per la durata di ore 6. Le lezioni frontali avranno per oggetto lo studio e la trattazione delle nozioni introduttive e basilari, l'analisi delle fonti interne ed europee, l'illustrazione dei principali procedimenti in materia ambientale e la trattazione di aspetti peculiari di questa branca del diritto quali le energie rinnovabili, i rifiuti, la valutazione del rischio ambientale. Le lezioni, svolte con modalità di apprendimento attivo, saranno incentrate sull'analisi collegiale di alcuni casi e relative pronunce giurisprudenziali. Per gli Studenti frequentanti le pronunce discusse in aula e carticate dal Docente sulla piattaforma Elly , costituiscono parte integrante del programma. Per gli Studenti non frequentanti sussiste la possibilità di illustrare una pronuncia a scelta tra quelle rese disponibili dal Docente su Elly. Tutta l'attività didattica sarà condotta privilegiando il dialogo e il confronto collegiale.

Modalità verifica apprendimento

STUDENTI FREQUENTANTI : L'apprendimento ed il grado di preparazione raggiunto sarà verificato mediante una prova finale orale strutturata attraverso la proposizione di almeno tre domande, con riferimento alle Dispense del Docente (i cui singoli capitoli saranno caricati di volta in volta sulla piattaforma Elly), al Codice dell'Ambiente e alle due pronunce giurisprudenziali selezionate dallo Studente, nell'ambito delle pronunce discusse dal Docente in classe e reperibili su Elly. La verifica finale, svolta in modalità orale con voto espresso in trentesimi, è finalizzata alla valutazione del livello complessivo di conoscenze degli istituti, del sistema delle fonti e delle nozioni procedimentali in materia, acquisite dallo Studente nel corso delle lezioni. La prova finale mira, inoltre, alla valutazione della capacità dello Studente di utilizzare un linguaggio giuridico appropriato, di analizzare i differenti casi della realtà attraverso il filtro delle nozioni acquisite e di interpretare le norme con metodo sistematico. La soglia della sufficienza sarà raggiunta laddove lo Studente sarà in grado di dimostrare conoscenza e comprensione del sistema delle fonti, delle definizioni e dei principali procedimenti in materia ambientale, unitamente a competenze applicative minime in ordine all'esposizione autonoma e ragionata di due sentenze, individuate dallo Studente tra quelle analizzate in aula dal Docente e reperibili su Elly. Al di sotto di tali livelli, la prova finale orale non potrà essere sufficiente. Il voto sarà comunicato immediatamente al termine della prova.
STUDENTI NON FREQUENTANTI: L'apprendimento ed il grado di preparazione raggiunto sarà verificato mediante una prova finale orale strutturata attraverso la proposizione di almeno tre domande, con riferimento al testo "Diritto dell'Ambiente" a cura di Giampaolo Rossi, G. Giappichelli Editore, Torino, ultima edizione, in tutte le sue parti (NESSUN CAPITOLO ESCLUSO), al Codice dell'Ambiente e , nel caso in cui lo Studente non frequentante intenda approfondire un tema selezionando un pronuncia di giurisprudenza tra quelle caricate su Elly dal Docente, con riferimento anche alla pronuncia scelta. La verifica finale, svolta in modalità orale ed espressa con votazione in trentesimi, è finalizzata alla valutazione del livello complessivo di conoscenze degli istituti, del sistema delle fonti e delle nozioni procedimentali in materia, possedute dallo Studente. La prova finale mira, inoltre, alla valutazione dalla capacità dello Studente di utilizzare un linguaggio giuridico appropriato, di possedere un'autonoma capacità critica e argomentativa legata allo studi dei principali aspetti del diritto ambientale. La soglia della sufficienza sarà raggiunta laddove lo Studente sarà in grado di dimostrare conoscenza e comprensione del sistema delle fonti, delle definizioni e dei principali procedimenti in materia ambientale, unitamente a competenze applicative minime in ordine all'esposizione autonoma e ragionata della sentenza individuata dallo Studente, laddove lo Studente non frequentante intenda avvalersi di questa possibilità, tra quelle analizzate in aula dal Docente e reperibili su Elly. Al di sotto di tali livelli, la prova finale orale non potrà essere sufficiente. Il voto sarà comunicato immediatamente al termine della prova.

Altre informazioni